Green Technology

La grande sfida della bioeconomia

Il mondo industrializzato vive oggi una crisi dei sistemi tecnologico ed economico di portata unica negli ultimi 500 anni di storia del nostro pianeta.
Il modello che concentra il 90 % delle risorse nel 17% della sua popolazione, in non solo materiali ma anche di conoscenze, brevetti e know how tecnologici, si sta sgretolando.
Una crisi i cui segni si avvertono già dai primi anni ’90, come bene evidenziò Jaques Delors, e che colpisce principalmente i maggiori paesi industrializzati e mette in discussione un intero modello di sviluppo.
Gli indicatori economici, insieme ai mutamenti climatici e all’esaurirsi di risorse vitali, impongono di ridisegnare i fondamenti di una nuova civiltà nella quale la crescita economica non sia necessariamente connessa alla distruzione del patrimonio naturale, umano e culturale di vaste aree del pianeta.
L’Unione europea si è prefissata un compito che appare certamente straordinario: diventare entro il 2020 leader mondiale nella bio-economia.

Una profonda e per molti versi dolorosa trasformazione è richiesta ai nostri sistemi tecnologici ed economici: le fratture, le perdite e lo smantellamento di vecchi sistemi di produzione industriale dovranno essere guidate coraggiosamente e senza rinunciare ai principi di inclusione e coesione sociale.
Una grande sfida a cui ogni stato membro dovrà partecipare, facendo la propria parte.
Un’ Europa efficiente nell’impiego delle risorse, verde e competitiva, è un’ Europa nella quale sono superate le divisioni tradizionali tra ambiente, energia, economia, competitività e politiche di innovazione, e nella quale occorrerà muoversi oltre il confine del recupero dei rifiuti e dirigersi celermente verso il ciclo di vita dei materiali, gestito in modo tale che essi forniscano i servizi di cui abbiamo bisogno, senza danneggiare irreversibilmente i nostri ecosistemi.

Sei interessato ad uno dei servizi per la bioeconomia?

7 + 1 = ?

ARTES è impegnata sin da fine anni 90 nel promuovere una strategia di ‘smart innovation’, ovvero di sviluppo competitivo, fondato al tempo stesso su un serio investimento in infrastrutture materiali e non di ricerca avanzata in campo biotecnologico e connessa valorizzazione delle sue vaste risorse naturali e storico culturali.
Profonda conoscitrice delle politiche e degli strumenti di finanziamento, promotrice della rete nzymes4future, che riunisce laboratori di ricerca biotecnologica e istituti di design, ARTES ha accumulato un know how unico nella progettazione, realizzazione e project management di bio-regioni specializzate in bio-economia ed industria creativa (dalla ideazione e realizzazione di bio-fibre e bio-materiali per la fashion industry, al turismo; dalla ristorazione alla produzione multimediale, fino alla identificazione di modelli di governance delle risorse critiche per la bio economia: energia, ambiente, acque,…).

Offriamo servizi di progettazione, realizzazione e project management di bio-region specializzate nella bio-economia ed industria creativa

© Copyright 1991-2015 | Artes | P. IVA 04037530377